Viewing posts categorised under: Incentivi

Nota di aggiornamento al DEF: conferma per Ecobonus e Bonus casa nel 2020

Il 10 ottobre il Parlamento ha approvato la Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza  (DEF) 2019: sono confermati per tutto il 2020 gli incentivi Ecobonus, Bonus casa (ristrutturazione edilizia) e sismabonus.

Grazie ai meccanismi dell’Ecobonus e del Bonus casa è possibile migliorare il valore e il comfort di un edificio, facendo rientrare nell’arco di dieci anni fino al 65% dell’investimento.

Se vuoi maggiori informazioni per programmare un intervento sulla tua casa, contattaci compilando il form: lavoriamo da anni nel settore dell’impiantistica e dell’edilizia, con una particolare attenzione ai sistemi incentivanti e agevolativi, sapremo trovare le soluzioni per le tue esigenze!

Mobilità elettrica per PMI: nuovo avviso della Regione Sardegna

La Regione Autonoma della Sardegna, tramite il Servizio energia ed economia verde dell’Assessorato dell’Industria, ha pubblicato le disposizioni attuative e il nuovo avviso riguardante gli “Aiuti alle Piccole e Medie Imprese per lo sviluppo della mobilità elettrica in Sardegna”.

L’avviso, con risorse disponibili per 3 milioni di euro, è rivolto alle Piccole e Medie Imprese operative da almeno cinque anni e con sede operativa in Sardegna, per la sostituzione di un veicolo a motore con uno a trazione elettrica.

Le domande devono essere presentate dalle 9:00 del 26/02/19 alle 14:00 del 01/09/20 tramite il Sistema informativo regionale SIPES.

Per leggere l’avviso pubblico clicca qui

 

Decreto FER pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Il Decreto FER1 (D.M. Sviluppo Economico 04/07/19) è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale: il primo bando sarà pubblicato entro il 30 settembre 2019.

Il Decreto FER incentiva le fonti rinnovabili considerate mature:

  • fotovoltaico
  • eolico
  • idroelettrico
  • biogas da depurazione

L’obbiettivo del decreto è realizzare impianti per un totale di 8 GW, che portino alla produzione di circa 12.000 GWh di energia da fonte rinnovabile.

Per la prima volta dal 2013 il fotovoltaico viene incentivato: scopri le opportunità con il nostro focus: clicca qui!

 

Il decreto in Gazzetta Ufficiale: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2019/08/09/19A05099/sg

Il nostro focus: http://www.econergia.eu/web/approfondimenti/decreto-fer-per-fotovoltaico/

 

Decreto FER: arriva la firma dei ministri Di Maio e Costa

Il Decreto FER1 si avvicina alla pubblicazione: i ministri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente hanno firmato il decreto che incentiva l’energia elettrica da fonti rinnovabili mature.

Ora il decreto è stato inviato alla Corte dei Conti per la registrazione, a cui seguirà la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il Decreto FER incentiva le fonti rinnovabili considerate mature:

  • fotovoltaico
  • eolico
  • idroelettrico
  • biogas da depurazione

L’obbiettivo del decreto è realizzare impianti per un totale di 8 GW, che portino alla produzione di circa 12.000 GWh di energia da fonte rinnovabile.

Per la prima volta dal 2013 il fotovoltaico viene incentivato: scopri le opportunità con il nostro focus: clicca qui!

 

Il comunicato stampa del Ministero: https://www.mise.gov.it/index.php/it/per-i-media/notizie/2039932-rinnovabili-di-maio-e-costa-firmano-il-decreto-fer-1

Il nostro focus: http://www.econergia.eu/web/approfondimenti/decreto-fer-per-fotovoltaico/

 

Conto Termico: 10.000 richieste approvate ad aprile

Sono sempre di più gli interventi incentivati dal Conto Termico: nel mese di aprile l’impegno di spesa è cresciuto di 20 milioni di euro, con 10.000 nuove richieste approvate.

Il Conto Termico incentiva interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili, ed è rivolto a privati, imprese e pubbliche amministrazioni.

Grazie al Conto Termico è possibile migliorare l’efficienza del proprio edificio, diminuendo i consumi e recuperando in tempi brevi parte della spesa sostenuta: mentre le detrazioni fiscali sono spalmate su 10 anni e sono delle agevolazioni sulle tasse da versare, il Conto Termico è un incentivo erogato in un unica rata per cifre sotto i 5.000 euro, per un massimo di 5 rate annuali.

Il Conto Termico prevede un limite di spesa annuo di 700 milioni di euro per i privati: 60 giorni dopo il raggiungimento il sistema incentivante termina.

Siamo ben lontani da raggiungere il limite di spesa, dato che sono stati impegnati 94 milioni: è il momento giusto per investire in efficienza!

Econergia lavora da anni nel settore dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili, con una solida esperienza nei sistemi incentivanti: contattaci ora!

Contatore FER marzo: aumenta il budget per il nuovo decreto FER

Il GSE ha aggiornato il contatore del costo indicativo degli incentivi per le fonti rinnovabili non fotovoltaiche: al 31 marzo il costo indicativo è di 4,726 miliardi di euro.

Rispetto a febbraio il contatore è in discesa di 158 milioni di euro, per via dei rialzi del prezzo dell’energia sui emrcati forward.

Cos’è il contatore FER non fotovoltaiche

Il contatore ad oggi somma il costo indicativo di diversi incentivi:

  • incentivi per gli impianti CIP 6 (quota rinnovabile);
  • incentivo sostitutivo del Certificati Verdi;
  • incentivo Decreto Rinnovabili (D.M. 18/12/08);
  • incentivo Decreto FER non fotovoltaiche (D.M. 23/06/16);
  • incentivo Conto Energia per il solare termodinamico (D.M. 06/07/12).

La voce più importante è quella relativa al Decreto FER non fotovoltaiche, che prevedeva per ciascuna fonte il pagamento di una tariffa onnicomprensiva per l’energia immessa in rete.

Come funziona la tariffa onnicomprensiva

La tariffa onnicomprensiva è un sistema incentivante che fissa un valore per l’energia ceduta alla rete, comprensivo della vendita dell’energia.

Se per esempio la tariffa è pari a 10 €cent/kWh, e l’energia è venduta a 4 €cent/kWh, il valore effettivo dell’incentivo è dei restanti 6  €cent/kWh.

Per questo un aumento del costo dell’energia, come quello registrato nell’ultimo mese, comporta una diminuzione del contatore FER non fotovoltaiche.

Il contatore FER influisce sul nuovo decreto FER

Il contatore FER è importante perché la bozza del Decreto FER di prossima pubblicazione prevede il termine del sistema incentivante al raggiungimento dei 5,8 miliardi di impegno di spesa: pertanto ad oggi il nuovo Decreto FER, ad oggi, metterà a disposizione poco più di 1 miliardo di euro di incentivi.

Se vuoi scoprire le opportunità del Decreto FER per il fotovoltaico leggi il nostro focus!

DEF: entro aprile Decreto FER

Con il Documento di Economia e Finanza 2019 (DEF) il Governo fissa per fine aprile l’adozione del Decreto FER, che torna ad incentivare il fotovoltaico dopo il V Conto Energia, esauritosi nel 2013.

La data indicata sembra essere molto ottimistica, date le osservazioni mosse dalla Commissione Europea nello scorso marzo.

Il Decreto FER 1 incentiva le fonti rinnovabili considerate mature: fotovoltaico, eolico, idroelettrico, geotermico e gas da depurazione e discarica; leggi il nostro focus sul fotovoltaico e sulle opportunità di investimento!

 

 

Cresce il contatore FER, diminuisce il budget per il nuovo decreto FER

Il GSE ha aggiornato il contatore del costo indicativo degli incentivi per le fonti rinnovabili non fotovoltaiche: al 31 gennaio scorso segnava 4,884 miliardi di euro, in crescita di 41 milioni di euro rispetto al mese precedente.

Il contatore è importante perché la bozza del Decreto FER di prossima pubblicazione prevede il termine del sistema incentivante al raggiungimento dei 5,8 miliardi di impegno di spesa: pertanto ad oggi il nuovo Decreto FER metterà a disposizione poco meno di 1 miliardo di euro di incentivi.

Il contatore ad oggi somma il costo indicativo di diversi incentivi:

  • incentivi per gli impianti CIP 6 (quota rinnovabile);
  • incentivo sostitutivo del Certificati Verdi;
  • incentivo Decreto Rinnovabili (D.M. 18/12/08);
  • incentivo Decreto FER non fotovoltaiche (D.M. 23/06/16);
  • incentivo Conto Energia per il solare termodinamico (D.M. 06/07/12).

Se vuoi scoprire le opportunità del Decreto FER per il fotovoltaico leggi il nostro focus!

Aggiornamento del contatore del Conto Termico

Il GSE ha aggiornato il contatore del Conto Termico (D.M. 16/02/16), che dal suo avvio al 01/03/18  ha impegnato 520 milioni di euro per 192.000 richieste di incentivo: un +3,4% rispetto al mese passato.

Il Conto Termico incentiva interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili, ed è rivolto a privati, imprese e pubbliche amministrazioni.

Grazie al Conto Termico è possibile migliorare l’efficienza del proprio edificio, diminuendo i consumi e recuperando in tempi brevi parte della spesa sostenuta: mentre le detrazioni fiscali sono spalmate su 10 anni e sono delle agevolazioni sulle tasse da versare, il Conto Termico è un incentivo erogato in un unica rata per cifre sotto i 5.000 euro, per un massimo di 5 rate annuali.

Il Conto Termico prevede un limite di spesa annuo di 700 milioni di euro per i privati: 60 giorni dopo il raggiungimento il sistema incentivante termina.

Impegno di spesa conto termico - febbraio 2019

Siamo ben lontani da raggiungere il limite di spesa, come indica il grafico: è il momento giusto per investire in efficienza!

Econergia lavora da anni nel settore dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili, con una solida esperienza nei sistemi incentivanti: contattaci ora!

 

ENEA ha attivato i portali per Bonus Casa ed Ecobonus

L’ENEA ha attivato i Portali 2019 per la trasmissione delle pratiche che accedono alle Detrazioni fiscali.

Le informazioni devono essere trasmesse per gli interventi agevolati da detrazione fiscale IRPEF che comportano risparmio energetico o utilizzo di fonti di energia rinnovabile:

  • riqualificazione energetica degli edifici (Ecobonus);
  • ristrutturazione edilizia (Bonus Casa), se comporta un risparmio energetico (scopri di più leggendo il nostro approfondimento).

La trasmissione dei dati all’ENEA è un passaggio obbligatorio per accedere alle detrazioni fiscali, e deve essere fatta entro novanta giorni dalla fine dei lavori.

Le altre attività necessarie per accedere alle detrazioni sono:

  • pagare le fatture con bonifico per agevolazioni fiscali;
  • conservare le fatture e le ricevute dei bonifici.

Grazie ai meccanismi dell’Ecobonus e del Bonus casa è possibile migliorare il valore e il comfort di un edificio, facendo rientrare nell’arco di dieci anni fino al 65% dell’investimento.

Se vuoi maggiori informazioni per programmare un intervento sulla tua casa, contattaci compilando il form: lavoriamo da anni nel settore dell’impiantistica e dell’edilizia, con una particolare attenzione ai sistemi incentivanti e agevolativi, sapremo trovare le soluzioni per le tue esigenze!

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più | Va bene